/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | martedì 20 giugno 2017, 10:49

Calcio, Ceriale. La riconoscenza di Vittorio Fantoni: "Grazie Pietra, ma senza i biancoblu avrei smesso di giocare a calcio"

Il difensore ha deciso di rinunciare all'Eccellenza per continuare a vestire la casacca cerialese: "Il prossimo traguardo sono le 100 presenze"

E' passata praticamente una settimana da quanto il caso Donnarumma è esploso in tutto il suo fragore.

Il mancato rinnovo contrattuale tra uno dei talenti più fulgidi del panorama mondiale e il Milan ha catalizzato le discussioni di buona parte (e non ) degli appassionati calcistici.

In provincia di Savona si è però verificato un caso opposto: Vittorio Fantoni, difensore del Ceriale ha deciso di non cedere alle lusinghe di offerte importanti, decidendo di rimanere in biancoblu nonostante la corte dell'Alassio FC (l'anno scorso) e del Pietra Ligure (neo promosso in Eccellenza).

 

Vittorio possiamo definirti l'anti-Donnarumma?

"Il paragone è un po' forte, ma non nascondo il grande senso di riconoscenza che mi lega al Ceriale. Quattro anni fa decisero di puntare su di me nonostante arrivassi da un campionato non certo esaltante. Senza di loro, non ho problemi ad ammetterlo, probabilmente avrei smesso di giocare a calcio e credo sia normale porre la precedenza verso la squadra della città dove vivo e lavoro. Detto questo, ringrazio il Pietra Ligure, mister Pisano e il ds Sportorno per il loro interessamento: mi ha fatto davvero un enorme piacere".

 

Il traguardo delle centro presenze è vicino. Un giorno ti vedi capitano di questa squadra?

"Mancano nove partite per raggiungerlo e mi auguro di poterlo tagliare già nel corso del prossimo campionato. Per quanto concerne la fascia, ho avuto già l'onore di indossarla in un paio di occasioni e non nego che abbia rappresentato per il sottoscritto una gioia enorme. Auguro ad autentici pilastri del nostro gruppo come Gervasi, Bellinghieri ed Haidich di giocare ancora tanti anni, ma raccogliere la loro eredità sarebbe un onore. Niente voli pindarici però - sorride Vittorio - magari la società l'anno prossimo non mi conferma!"-

 

Lanciarsi in pronostici a fine giugno potrebbe rivelarsi azzardato, ma il prossimo torneo di Promozione si prospetta davvero di alto profilo.

"E' proprio così: ci sono otto - nove squadre pronte a competere davvero ai massimi livelli. Da parte nostra dovremo dare il massimo per evitare di essere coinvolti nei bassifondi della classifica, provando a divertirci e a toglierci le nostre soddisfazioni. Come sempre dovremo puntare sul nostro gruppo e sul nostro ambiente, a dir poco perfetto per lavorare in tutta serenità".

Lorenzo Tortarolo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore