/ Motori

Motori | martedì 13 marzo 2018, 11:30

Motori: Svelato il programma del rally di Sanremo, ritorna la magia della notte

La gara matuziana mantiene il suo grande fascino nonostante gli accorgimenti della federazione nel regolamento

Meno di un mese al tanto atteso rally di Sanremo, secondo round del campionato italiano.

Recentemente il comitato organizzativo della kermesse matuziana ha stilato il programma e la tabella dei tempi che i concorrenti dovranno affrontare. Come già annunciato in precedenza ad aprire le ostilità sarà la prova spettacolo da 2,56 km che verrà allestita nella zona del porto turistico, vera e propria novità di questa edizione 2018. L'orario previato è alle 15.45 di venerdì 13.

Si prosegue con il riordino presso Piazza Borea D'Olmo e la conseguente sessione da 30" nel parco assistenza.

A seguire le prove speciali Vignai da 14,31 km (ore 19,26), Bignone  da 10,62 km (ore 19.55) e San Romolo da 14,24 km (ore 20.54). Il riordino stavolta sarà a S. Tecia mentre l'assistenza sarà nuovamente a Sanremo nella zona della vecchia stazione ferroviaria. A concludere la giornata ecco le p.s. Mini Ronde da 29,12 km (ore 23.08) e San Romolo da 14,24 km (00,22). Si conclude dunque un'estenuante prima tappa caratterizata dal buio della notte, elemento mistico ultimamente ritrovato nei rally odierni perchè il mito della fanaleria supplementare non può e non deve tramontare mai in questo sport.

Sabato 14 i concorrenti si appresteranno alla seconda tappa prima di decretare il vincitore di quella che sarà la 65ma edizione del Rally di Sanremo.

Il primo loop di prove speciali è composto da Testico da 14,24 km (ore 11,54), San Bartolomeo da 10,53 km (ore 12.20) e Colle d'Oggia da 7,89 km (ore 12.38), con conseguente Riordino in Piazza Borea D'Olmo e parco assistenza.

Testico -Colle d'Oggia da 34,45 km (ore 17.16) sarà infine l'ultima fatica da compiere in questa due giorni entusiasmante nell'entroterra sanremese che ha fatto la storia mondiale dei rally. Alle 19.00 inizieranno in Piazza Colombo le premiazioni.

Lo scorso anno a salire sul gradino più alto del podio fu Paolo Andreucci e la sua Peugeot 208 T16 R5, dopo aver battagliato per tutto il weekend con il pilota neozelandese Hayden Paddon con la Hyundai i20 New Generation R5.

Alessio Zunino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore