/ Calcio

Calcio | 15 marzo 2018, 16:15

Calcio, Serie D. Caos Argentina Arma, dopo l'addio Stefano Ragazzoni tuona: "Sono mesi che non recepisco uno stipendio, così come i giocatori!"

Parla in esclusiva l'ormai ex Direttore Generale rossonero che punta il dito contro Bruno Vellone: "Non si può fare il Presidente con gli sponsor, la colpa è solo sua"

Stefano Ragazzoni, ex Direttore Generale dell'Argentina Arma

Stefano Ragazzoni, ex Direttore Generale dell'Argentina Arma

"Sono dai 4 ai 5 mesi che non recepisco uno stipendio, una situazione imbarazzante!" A parlare in esclusiva ai nostri microfoni di rivierasport.it è l'ormai ex Direttore Generale rossonero Stefano Ragazzoni che tuona contro il Presidente della società armese Bruno Vellone: ecco le sue scottanti parole dopo l'addio al club.

 

Le parole di Stefano Ragazzoni

Direttore, è arrivata la separazione improvvisa con l'Argentina Arma: ci rivela cosa è successo? "Sono dai 4 ai 5 mesi che non ricevo stipendio - tuona Ragazzoni - e i giocatori lo stesso così come la Signora Samanta, persona ammirevole che lava le maglie ma che non riceve il compenso da un mese e mezzo: è una situazione imbarazzante! Io ho tenuto il gruppo finchè ho potuto, ma siamo arrivati a marzo e soldi non ne abbiamo visti. Il Presidente è venuto tre volte solo per fare la sfilata con le televisioni..."

"Cosa può succedere ora? Questo non lo so, ieri per la partita contro il San Donato Tavarnelle non sono sceso ad Arma di Taggia - sottolinea il Direttore Grnerale - al mattino ho avvisato tutti i giocatori che ho portato io della mia assenza e la partita è andata male come da previsione, visto che con la testa non c'erano".

Ragazzoni punta il dito contro Bruno Vellone: "Doveva essere onesto all'inizio Bruno Vellone, perchè sapeva a cosa si andava incontro. Non si può fare il Presidente con gli sponsor, se non si hanno i soldi si sta a casa e non si prende la società!

Prosegue l'ira di Ragazzoni: "Ho costruito una buona squadra in pochi giorni per riuscire a raggiungere i playout, ma non mi piace essere preso in giro, così come i vari Fiuzzi, Mandelli, Martelli, Terzoni, Di Lauro, Vitiello, mister Casu, Antonio Speziale (l'amministratore), Eugenio la stessa Signora Samanta che lava le maglie, il segretario Napolitano e Bolla che pulisce gli spogliatoi, stipendi non così onerosi: non prendete la società in questo modo così non prendete in giro le persone!".

"Voglio sottolineare che la colpa è solo ed esclusivamente di Bruno Vellone!"

Riccardo Aprosio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium