/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | 20 marzo 2018, 17:30

Calcio, Seconda Categoria B. La Nolese si arrende a testa alta al Millesimo, il commento di Fiorito

Il terzino, uomo d'esperienza dei biancorossi, soddisfatto dalla prova dei suoi aldilà del risultato: "Abbiamo fatto la nostra partita, l'espulsione dopo pochi minuti ha complicato i piani"

Alessandro Fiorito, a sinistra, ai tempi del Città di Finale

Alessandro Fiorito, a sinistra, ai tempi del Città di Finale

Nessun punto, un po’ di rammarico e qualche certezza in più. Non è stata una domenica da buttare la scorsa per la Nolese, che sul campo del Millesimo esce sconfitta ma con la consapevolezza di potersela giocare con tutti.

È questo il pensiero che traspare dalle parole di Alessandro Fiorito, terzino d’altri tempi e nolese doc, a due giorni da una sconfitta che non altera i piani dei biancorossi: “Siamo andati in Val Bormida consapevoli della loro forza ma per fare la nostra partita e cercare di raccogliere qualcosa. Purtroppo siamo rimasti in dieci dopo appena un quarto d’ora di gioco, per un doppio giallo a Murgia, e quello un po’ ci ha tagliato le gambe essendo anche in svantaggio. Noi però non abbiamo nulla da rimproverarci, non ci siamo fatti mettere sotto e a conti fatti abbiamo subìto tre tiri che ci sono costati altrettanti gol. Sono comunque contento perché anche in dieci la nostra prestazione l’abbiamo fatta”.

A disposizione dei ragazzi di Magalino ora restano tre partite, utili per cercare di evitare il tritacarne dei play-out: “L’obbiettivo è quello di fare nove punti. Guardando a come sono andate le partite d’andata, specialmente contro Dego e Plodio, abbiamo ottenuto dei risultati che ci hanno lasciato la sensazione di aver raccolto meno di quanto ci meritavamo. Purtroppo il nostro problema quest’anno è fare gol, fortunatamente abbiamo una Juniores quest’anno da cui poter pescare qualche giocatore in caso di bisogno”

Infine un pensiero sul tecnico: “Spero che il mister possa rimanere anche l’anno prossimo. Con lui siamo riusciti a porre basi importanti per un lavoro anche nel futuro”.

Mattia Pastorino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium