/ Calcio

Calcio | 17 settembre 2018, 12:13

Calcio, Alassio FC: testa e fiducia per cambiare marcia, ma guai a scherzare con questa Eccellenza

Calcio, Alassio FC: testa e fiducia per cambiare marcia, ma guai a scherzare con questa Eccellenza

Un po' Doctor Jekyll, un po' Mister Hyde: si potrebbe definire così, parafrasando Stevenson la prima parte di stagione dell' Alassio FC.

Farsi un'idea chiara sul prosieguo della stagione giallonera potrebbe risultare azzardato a metà settembre, ma alcuni fattori possono essere tranquillamente analizzati tra i primi impegni di Coppa e l'esordio in campionato con la Genova Calcio.

Ciò che emerge in maniera più nitida e la discontinuità di risultati e prestazione, anche all'interno degli stessi 90 minuti di gioco, messa in mostra dal team di Mambrin.

Difficile capire quale sia il volto reale delle vespe, dopo le belle prove offerte contro il Chisola o Il Pietra, o le debacle verticali con Ventimiglia e Genova Calcio: quel che è certo è che il processo di maturazione dell'organico, pesantemente rivoluzionato nel corso dell'estate, è in pieno svolgimento.

In un campionato difficile e competitivo come quello di quest'anno sarà fondamentale in queste settimane l'apporto della "vecchia guardia", formata dai vari Scaglione, Grande, Lupo e Ottonello, per serrare i ranghi e regalare la giusta dose di serenità e determinazione a una squadra ancora alla ricerca della propria identità.

Ieri, dopo un avvio incoraggiante e il palo scheggiato da Gerardi, è bastato il primo episodio negativo per minare la fiducia giallonera, lasciando campo e azioni da gol alla formazione di Balboni fino al 4-0 finale.

Manca probabilmente la stella a cui aggrapparsi nei momenti di difficoltà, nonostante tanti elementi di buon valore, ma proprio per questo motivo l'Alassio non può permettersi di disunirsi in un torneo dalla qualità media decisamente elevata.

Il miglioramento dello stato di forma di alcuni giocatori cardine e il doppio turno interno contro Ventimiglia e Busalla potrà senz'ombra di dubbio aiutare Trotti e compagni a ritrovare la giusta via, quantomeno per iniziare a smuovere la classifica.

Lorenzo Tortarolo

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium