/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | 10 gennaio 2019, 15:55

Calcio, Cuneo: impianto faraonico per sostituire il Paschiero, ma non mancano i dubbi

Calcio, Cuneo: impianto faraonico per sostituire il Paschiero, ma non mancano i dubbi

La città di Cuneo ha avviato i ragionamenti sul nuovo stadio che andrà a sostituire il Flli Paschiero. Può dirsi l'unico punto chiaramente emerso dalla commissione dedicata al tema, svoltasi in Comune nella serata di mercoledì 9 gennaio.

Per il resto sono ancora numerosi gli interrogativi sulla bozza illustrata da Marco Santarelli della società "Res on network", alcuni dei quali emersi durante il dibattito.

Un progetto estremamente ambizioso che darebbe vita ad una vera e propria cittadella dello sport. Cuore della realizzazione: la sostenibilità energetica grazie a delle turbine in grado di "muovere" l'acqua per creare energia e di conseguenza una struttura autosufficiente. Un capolavoro di tecnologia, con tanto di apparecchiatura per scansionare la retina al posto dei vecchi tornelli.

Brusio in sala laddove venivano elencati i dettagli tecnici e più di una perplessità da parte degli ascoltatori, in particolare sull'impatto ambientale e sulla sostenibilità economica dell'opera.

L'impianto dovrebbe avere una capienza di 5 o 6mila spettatori ed il costo sarebbe compreso tra i 6 e gli 8 milioni di euro. Sarebbe finanziato in regime di project financing, quindi senza gravare, in futuro, sulle casse comunali.

All'incontro c'era anche l' AC Cuneo 1905 (presenti l'Amministratore Unico Becchio, il dg Sivieri, il ds Borgo e Amanzi per il settore giovanile). Più di un consigliere, oltre all'assessora Clerico nel suo intervento finale, ha chiesto "concretezza" e "serietà" alla società biancorossa, invitata a "giocare a carte scoperte", e agire con "chiarezza" sul progetto sportivo della principale squadra cittadina, unica in provincia che milita tra i professionisti.

 

 

Presente una nutrita delegazione di sostenitori dell'AC Cuneo 1905. Hanno esposto un eloquente striscione fuori dal municipio e poi anche dentro la sala del consiglio "Anni e anni di parole!! E'l'ora dei fatti. Si stadio". 

Tanti gli aspetti da chiarire, meno numerose ma granitiche le certezze: il Comune non può e non intende stanziare i soldi necessari, è necessario un percorso concreto e condiviso, l'ambiziosa realizzazione deve essere accompagnata da un progetto sportivo dell'AC Cuneo 1905 all'altezza.

Così l'assessora allo Sport Cristina Clerico al termine della commissione di mercoledì sera

l di là dei dettagli tecnici sono numerosi i punti da chiarire. Spettano ora al Comune  i necessari approfondimenti per una valutazione più precisa e concreta.

Cerchiamo di capire meglio entità e obiettivi del progetto dalle parole di Marco Santarelli

 

 

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium