/ Calcio

Calcio | 10 marzo 2019, 18:34

Calcio, Albissola. Nicola Legrottaglie guarda al futuro: "Avrò piacere di avere altri incontri con la dirigenza ceramista"

L'ipotesi più gettonata al momento è che l'ex difensore della Juventus possa guidare i biancocelesti nella prossima stagione sportiva

Calcio, Albissola. Nicola Legrottaglie guarda al futuro: "Avrò piacere di avere altri incontri con la dirigenza ceramista"

Nelle ultime ore il nome di Nicola Legrottaglie è stato accostato con sempre più insistenza alla panchina dell'Albissola. La presenza dell'ex giocatore di Chievo, Juventus e Catania sugli spalti del "Moccagatta" di Alessandria in occasione del match dei biancocelesti contro la Juventus Under 23, unitamente al colloquio avuto con i vertici della società ligure, ha infatti alimentato l'ipotesi di un prossimo approdo in riva al Sansobbia dell'ex allenatore dell'Akragas, già vice di mister Rastelli al Cagliari. Un'ipotesi sul quale lo stesso Legrottaglie, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione, ha voluto però fare delle precisazioni:

"Mi ha fatto piacere conoscere il presidente e l'amministratore delegato dell'Albissola - ha dichiarato l'ex difensore - sono molto onorato, ringrazio per le parole spese sul mio conto: mi fa piacere che gli addetti ai lavori abbiano una buona impressione del mio lavoro e della mia persona. Detto ciò, in questo momento non abbiamo parlato di me come allenatore dell'Albissola". 

"Mi ha fatto piacere conoscere i dirigenti, ma sono andato ad Alessandria per vedere Juventus-Albissola - ha proseguito Legrottaglie - ho avuto modo di vedere le due squadre, per quanto riguarda il futuro vedremo cosa verrà fuori: in questo momento non mi sento di dire che sto pensando ad un'ipotesi Albissola. Magari, per il futuro, sicuramente avrò altri incontri con il presidente e l'amministratore delegato e capiremo se le cose possano coincidere. Mi fa però molto piacere che abbiano speso ottime parole per me".

Un commento poi sui ceramisti visti all'opera sul prato del "Moccagatta":

"La squadra ha fatto una buonissima partita, dimostrando che il gruppo c'è. Hanno difeso molto bene e ho visto dei giocatori bravi sia davanti che dietro. Tenendo conto anche delle assenze, credo che l'Albissola possa dire la sua fino alla fine della stagione. Può salvarsi". 

Chiosa finale dedicata ad una riflessione sulla stagione del club della famiglia Colla:

"Per la società è una sorta di esperienza, per una realtà che ha sempre fatto i dilettanti entrare in tre anni in Lega Pro è un grande successo - ha concluso il tecnico nato a Gioia del Colle - la Lega Pro non è però come la Serie D: bisogna calarsi nella mentalità, calarsi nella struttura. Quest'anno sarà tutta esperienza, utile per fare sempre meglio negli anni futuri: l'importante è l'integrità, la solidità alla base di un progetto, poi ci vuole del tempo per raggiungere determinati obiettivi. Per me l'Albissola sta facendo una grande esperienza, l'anno prossimo sarà molto più pronta per un altro tipo di classifica".

Roberto Vassallo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium