/ Altri sport

Altri sport | 12 marzo 2019, 17:50

Loano capitale dello sport paralimpico: ad aprile il Campionato Italiano di Bocce per atleti con disabilità intellettivo-relazionale

La cittadina dei Doria si conferma un importante polo per gli sport praticati da atleti con disabilità

Loano capitale dello sport paralimpico: ad aprile il Campionato Italiano di Bocce per atleti con disabilità intellettivo-relazionale

Loano si conferma capitale dello sport paralimpico italiano. Dal 4 al 7 aprile, infatti, la città dei Doria ospiterà le gare del Campionato Italiano di Bocce per atleti con disabilità intellettivo-relazionale.

Si tratta della prima edizione della manifestazione organizzata dalla Federazione Italiana Bocce presieduta da Marco Giunio De Sanctis, a cui la Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettivo Relazionale ha demandato la gestione delle attività sportive paralimpiche nazionali per atleti Dir.

Il presidente della Fib esprime il suo orgoglio: “Al mio insediamento in FIB gli atleti con disabilità erano meno di 50, oggi si attestano intorno ai duemila, comprendendo quasi tutte le disabilità sportive. Pertanto, mi ritengo oltremodo soddisfatto del lavoro finora svolto, soprattutto in merito alla disabilità intellettivo e relazionale che, di gran lunga, annovera molti più potenziali praticanti la nostra disciplina, sia nell'ambito degli istituti scolastici che delle associazioni di categoria e centri di assistenza”.

Dopo i Global Games nel 2011 e, più di recente, i Campionati Italiani assoluti in vasca corta di nuoto paralimpico dello scorso dicembre, Loano Città Europea dello Sport torna ad essere il palcoscenico per un altro grande evento sportivo: “Lo sport paralimpico – spiega il sindaco di Loano Luigi Pignoccaè per gli atleti con disabilità intellettivo-relazionale un importantissimo strumento di inclusione. Questo campionato, infatti, non va inteso come una semplice manifestazione 'promozionale' volta a far conoscere questa disciplina al grande pubblico, ma come un'autentica competizione. Gli atleti che vi prenderanno parte si allenano regolarmente e gareggiano per ottenere il massimo risultato, esattamente come gli atleti normodotati. Lo sport si conferma veicolo di valori fondamentali quali il rispetto per l'altro, la disciplina personale e l'impegno costante”.

Un ringraziamento particolare va rivolto al presidente della Federazione Italiana Bocce, Marco Giunio De Sanctis, senza il quale non avremmo ottenuto questo risultato. Nel solco del lavoro svolto in qualità di segretario generale del Comitato Paralimpico Italiano, una volta eletto presidente della Fib, De Sanctis ha voluto conferire all'attività paralimpica delle bocce la stessa dignità riservata all'attività per normodotati. Questo campionato ne è il risultato”, conclude Pignocca.

Alla manifestazione parteciperanno circa 100 atleti provenienti da una quindicina di regioni italiane suddivisi in tre categorie: Promozione, Élite e Agonistica. “A questa cifra – fa notare l'assessore a turismo, cultura e sport Remo Zaccariavanno sommati almeno altri 200 tra accompagnatori, familiari e supporters. Per tutta la durata del campionato, dunque, circa 400 persone saranno ospiti delle strutture ricettive della nostra città, con importanti ricadute in un periodo di medio-bassa stagione. Ancora una volta lo sport si conferma una fondamentale risorsa turistica. Come amministrazione, è nostra volontà continuare a lavorare affinché Loano continui ad essere (e lo sia sempre di più) punto di riferimento per il grande sport italiano”.

Dario Della Gatta, vice presidente del Comitato Italiano Paralimpico ligure e delegato della Fisdir Liguria, aggiunge: “Permettetemi di ringraziare il presidente De Sanctis. Grazie alle sue competenze e al suo entusiasmo per lo sport paralimpico, le bocce del movimento hanno avuto un'impennata di interesse pubblico a vantaggio della giusta attenzione che si deve ad uno sport e ad un movimento in continua crescita. Non si poteva scegliere cornice migliore: le tante strutture sportive loanesi, infatti, sono del tutto prive di barriere architettoniche e quindi perfettamente accessibili ad ogni tipo di atleta".

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium