/ Calcio

Calcio | 26 marzo 2019, 16:10

Calcio, Eccellenza. Sammargheritese, mister Camisa non ci sta: "Mai lamentato degli arbitraggi, ma ora è troppo"

Nell'occhio del ciclone la direzione di gara del match di ieri contro il Finale, che non è piaciuta per nulla alla squadra di casa: "Contesto l'espulsione del mio uomo ma non solo". Per gli arancioni il pareggio non basta: "I risultati non ci premiano, nonostante le ottime prestazioni"

Calcio, Eccellenza. Sammargheritese, mister Camisa non ci sta: "Mai lamentato degli arbitraggi, ma ora è troppo"

Serve a poco il pareggio interno ad una Sammargheritese accorta ed in grado di pungere per buona parte della gara un Finale poco pericoloso nell'area tigullina, al punto di raggiungere il pareggio solo negli ultimi minuti di gioco.

Determinante per il tecnico dei tigullini Marco Camisa l'espulsione al quarto d'ora del secondo tempo di Amandolesi: "Non mi va di attaccarmi agli episodi, credo nell'incapacità degli arbitri, non nella malafede, perché in una partita dove il livello agonistico non è stato sopra le righe mi ritrovo con una quantità di ammoniti incredibile, senza logica".

Nel mirino la direzione di gara del signor Bassi di Genova, ma non solo: "Chi è preposto a controllare questi ragazzi deve aiutarli, perché c'è troppa presunzione. Io contesto anche l'espulsione del massaggiatore avversario: vero che da regolamento non doveva entrare in campo, ma in quel momento c'era un ragazzo a terra che aveva preso una botta in testa e perdeva sangue. Penso  non si usi più molto buon senso al giorno d'oggi, nel calcio come nel resto".

"Il nostro uomo è stato ammonito nel primo tempo per un fallo normalissimo - prosegue il mister come un fiume in piena - e con i due gialli penalizzi una squadra. Per questo c'è molta rabbia. Quest'anno le stiamo pagando tutte, io non mi sono mai lamentato degli arbitri pur avendone il modo, ma penso che ora si sia passato il segno".

Archiviata la domenica è tempo di guardare alle prossime uscite, dove pensare a sé stessi potrebbe non bastare per gli uomini di Camisa: "C'era la consapevolezza nell'ambiente del campionato che avremmo dovuto fare quest'anno. Dispiace, pur sapendo di dover lottare fino in fondo, non essere stati spesso premiati dai risultati nonostante le ottime prestazioni. Andiamo avanti, quel che sarà sarà, non ci fasciamo la testa e pensiamo ad affrontare le prossime quattro domeniche piene di scontri diretti facendo ciò che possiamo".

Mattia Pastorino

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium