/ Calcio

Calcio | 16 aprile 2019, 19:15

Calcio non vedenti. Procede a gonfie vele lo stage azzurro per Sebastiano Gravina: "Ora il Torneo Internazionale, a settembre obbiettivo Europeo"

Il pietrese in Abruzzo con la selezione azzurra per preparare i prossimi europei, con tanto di torneo amichevole in corso: "Il nostro gioco rispetto all'anno passato è cresciuto, anche se ci resta ancora molto da migliorare".

Calcio non vedenti. Procede a gonfie vele lo stage azzurro per Sebastiano Gravina: "Ora il Torneo Internazionale, a settembre obbiettivo Europeo"

Il futuro si chiama "Europei 2019" per la Nazionale italiana di calcio a cinque non vedenti, ma il presente, per non farsi trovare impreparati all'appuntamento settembrino con il pubblico amico di casa, dice Abruzzo, dove gli azzurri si stanno preparando un un Torneo Internazionale insieme a Russia e Spagna

Una settimana di allenamenti e partite, con selezioni maggiori ed under 23, quella che ha preso il via mercoledì scorso in provincia di Pescara per il pietrese Sebastiano Gravina e compagni, e che ha portato la nostra Nazionale alle semifinali di domani pomeriggio contro la Spagna A.

Lavorare nel presente ma con la testa al futuro. Ecco l'intento di Gravina: "Il lavoro di squadra prosegue bene, stiamo provando diverse situazioni negli allenamenti che poi cerchiamo di portare sul campo in queste amichevoli che abbiamo disputato. Rispetto all'anno scorso si sta giocando meglio e stanno arrivando anche i risultati, anche se ci resta ancora molto da migliorare, nonostante ci siano parecchie cose buone. Il tutto è ovviamente finalizzato alla competizione di settembre".

Per il bomber savonese, dal 2011 parte integrante del progetto tecnico azzurro, quello dal 15 al 25 settembre a Roma sarà il terzo europeo in carriera: "Purtroppo ho dovuto saltare un appuntamento in Nazionale, ma sono molto orgoglioso di essere uno dei più esperti e di indossare a volte la fascia di capitano".

Per questa ragione la sua analisi è volta a tenere alta la guardia: "Non vogliamo farci trovare impreparati, sarà dura così come lo è anche questo torneo. Anche se si tratta di amichevoli gli avversari non fanno sconti, per far bene bisogna avere le idee abbastanza chiare. Ripeto, c'è ancora molto da lavorare, ma qualche risultato si vede e questo aiuta".

L'appuntamento con la semifinale contro la Spagna A, che nel girone si è imposta per 4-0 proprio sull'Italia, è quindi per domani, alle 15.30.

Mattia Pastorino

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium