/ Calcio

Calcio | 15 maggio 2019, 18:38

Impresa del Legino 2009 di mister Stefano Magnoli e Simone Napoli al prestigioso di Cuneo

Impresa del Legino 2009 di mister Stefano Magnoli e Simone Napoli al prestigioso di Cuneo

Solo una prodezza del portiere del Torino alla lotteria dei rigori ha privato i pulcini del Legino della meritata finale nel prestigioso torneo Granda cup a Cuneo, uno dei maggiori del Nord d’Italia, a cui hanno partecipato oltre 30 squadre giovanili. Le nove professioniste presenti avevano tutte i primi gruppi. Spiccava pure la presenza dei “figli d’arte” Grosso e Maxi Lopez. Assente quello di Cristiano Ronaldo nella Juventus.
I verdeblu dei mister Stefano Magnoli e Simone Napoli erano arrivati in semifinale grazie ad una doppietta del ritrovato D’Amato ai quarti, al “sette polmoni” Piccini, alle prodezze di “saracinesca” Dotta, agli inserimenti alla Boninsegna di Basile. 
Col Torino, poi vincitore del torneo, ha a lungo retto la diga eretta da Colombino, Esu e Panarelli, mentre le folate di Ravera hanno dato respiro alla difesa. I granata sono riusciti lo stesso a passare, ma con una mossa inattesa – quando la partita sembrava ormai compromessa - Magnoli ha inserito Dollapaj che con un missile dalla trequarti ha stampato la palla dentro la rete per la sorpresa degli attoniti supporter granata ed il tripudio dei genitori savonesi.

Il Legino 2009, già vincitore del torneo di Follo con altre squadre professioniste e di altre manifestazioni, ha messo dietro di sé compagini come Juventus, Sampdoria, Brescia, Como, Pro Vercelli, Cuneo.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium