/ Motori

Motori | 07 luglio 2019, 13:16

Motori: il meeting delle 500 di Garlenda si mobilita per l'Unicef

Il Club di Garlenda è “Testimonial di Pace per la campagna Vogliamo Zero”

Motori: il meeting delle 500 di Garlenda si mobilita per l'Unicef

La comunità dei cinquecentisti, che si sta festeggiando a Garlenda dal 5 al 7 luglio per il 36° Meeting Internazionale, è attenta, oltre che alla propria passione, anche alle esigenze di chi ha bisogno. «Si tratta di una naturale evoluzione della vita associativa» spiega il presidente Stelio Yannoulis. «Appartenere ad un gruppo di persone operose e felici può favorire l'attenzione verso i meno fortunati, facendo nascere il desiderio di rendersi utili al prossimo». Deve essere per questo motivo che molte manifestazioni del Fiat 500 Club Italia, dal nord al sud, includono progetti solidali, raccolte fondi per ospedali ed associazioni di volontariato o semplicemente volte a sensibilizzare a tematiche umanitarie di fondamentale importanza.


Il continuativo impegno da parte del Club in campo solidale nel 2010 ha attirato l'attenzione di Unicef, che lo ha nominato “Testimonial di Pace per la campagna Vogliamo Zero”. La firma del protocollo di intesa avvenne il 5 maggio di quell'anno alla presenza di importanti personalità tra le quali il past-presidente nazionale Giacomo Guerrera e Colomba Tirari, madrina dell'iniziativa, allora responsabile del comitato provinciale di Imperia.

 

Da quel momento con grande orgoglio il Club si impegna a diffondere i nobili progetti con tutti i canali a propria disposizione: gli oltre 300 raduni annuali, la rivista sociale 4PiccoleRuote, il web ed anche alcuni libri dedicati ai bambini pubblicati sotto con il proprio marchio editoriale “500 Club Italia Edizioni”.


Il Meeting Internazionale di Garlenda è un momento fondamentale per incontrare migliaia di persone e veicolare i messaggi di Unicef, volti alla tutela dei bambini e ragazzi di tutto il mondo. Per questo motivo Unicef è entrata in modo importante a far parte della manifestazione, come si può vedere dai palloncini, dalle Pigotte giganti e dagli striscioni, dalle numerose auto decorate con gli adesivi azzurri e dai premi scelti per omaggiare personalità e partecipanti (proprio le Pigotte, le bambole di pezza salvavita, al posto di coppe e targhe).


Per sottolineare ancora una volta il felice connubio tra la nobile onlus e la 500, battezzata da Giacomo Guerrera “Ambasciatrice del sorriso”, durante la cerimonia di apertura del venerdì mattina, Colomba Tirari ha consegnato  la Bandiera Unicef, dono in arrivo dalla sede centrale di Roma su richiesta dell'attuale presidenza e che verrà esposta all'interno del Museo della 500 “Dante Giacosa” di Garlenda.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium