/ Calcio

Calcio | 15 novembre 2019, 20:36

Calcio, Bragno. Il ds Abbaldo non nasconde il proprio dolore: "Siamo umanamente provati dalla scomparsa di Rovere e Gelsomino"

Calcio, Bragno. Il ds Abbaldo non nasconde il proprio dolore: "Siamo umanamente provati dalla scomparsa di Rovere e Gelsomino"

La scomparsa di Giorgio Rovere e Dino Gelsomino ha rappresentato per il Bragno un durissimo colpo a livello morale. In poche ore il sodalizio valbormidese ha perso infatti due figure di riferimento all'interno del mondo biancoverde, come racconta il direttore sportivo Roberto Abbaldo.

"Abbiamo vissuto delle ore umanamente terrificanti. ieri mattina ho ricevuto due messaggi dello stesso tragico tenore nel giro di pochi istanti, dove mi veniva annunciata la scomparsa di Giorgio Rovere e Dino Gelsomino.

Sapevamo delle condizioni non ottimali di Giorgio, ma fino all'ultimo è rimasto insieme alla sua famiglia al fianco del club. Il figlio Enrico la domenica è sempre sulle tribune a sostenere il Bragno, mentre la moglie ci ha sempre dato una mano durante i tornei, anche in cucina, affinchè l'organizzazione fosse delle migliori. Perdiamo una persona di grande spessore e che non ha mai lesinato il proprio impegno a favore del club.

Per quando concerne Dino è stato un autentico fulmine a ciel sereno: ci eravamo sentiti mercoledì sera, dopo la partita di Coppa con il Taggia, e poche ore dopo se ne è andato. Per noi è stato una figura di riferimento dopo la rivoluzione estiva, mi ha incoraggiato verso questo tipo di cambiamento e mi sarebbe piaciuto poterlo abbracciare a fine stagione, magari complimentandoci a vicenda per i buoni risultati ottenuti".

Lorenzo Tortarolo

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium