/ Altri sport

Altri sport | 10 settembre 2020, 07:00

Infortuni al ginocchio giocando a calcio: perché ce ne sono tanti e come si prevengono?

Sia in allenamento che nel calore dell'azione della partita, la pressione dei continui spostamenti di peso e dei turni di gioco può comportare un pesante pedaggio sulle ginocchia

Infortuni al ginocchio giocando a calcio: perché ce ne sono tanti e come si prevengono?

La natura del calcio mette a dura prova le ginocchia di un giocatore.

Sia in allenamento che nel calore dell'azione della partita, la pressione dei continui spostamenti di peso e dei turni di gioco può comportare un pesante pedaggio sulle ginocchia.

Molti giocatori ignorano i dolori fastidiosi per paura di perdere le partite - ma questo può spesso portare a danni più duraturi e a gravi complicazioni. Ci sono diverse cause per i dolori acuti e cronici alle ginocchia, e per qualcuno che gioca regolarmente a calcio, è ragionevole sapere quali sono e come possono essere affrontati.

Alcuni fastidi di questo tipo - se non gravi - possono essere curati con alcune pillole per ridurre il dolore e indurre lo stress, in modo da portare il giocatore a provare un sollievo quasi immediato e comunque sopportabile. Questo, chiaramente, nel caso in cui l’infortunio non sia da operare.

Tanti i rimedi usati, come le capsule di CBD

Tra i rimedi che vengono usati nel 2020, abbiamo anche le capsule di CBD, uno dei rimedi più in voga usati per trattare questo tipo di disturbo. Parliamo di capsule che hanno tutte le proprietà benefiche del cannabidiolo e offrono un’ottima alternativa all’olio di CBD comunemente venduto.

Sono facili da prendere e possono essere portate ovunque in modo piuttosto comodo, a differenza dell’olio di CBD, un pò più scomodo da portarsi appresso.

Sicuramente è uno dei prodotti favoriti dai calciatori che spesso soffrono di problemi legati a ginocchia e articolazione, in quanto li può aiutare a sopportare fastidi e dolori per lungo tempo.

Infortuni più comuni al ginocchio

Il ginocchio è composto da due legamenti crociati e due legamenti collaterali. Esistono molti infortuni comuni per i giocatori.

Un ginocchio slogato è una lesione che risulta dall'eccessivo stiramento, dallo strappo o dal danneggiamento di questi legamenti. Nella maggior parte dei casi, una distorsione può essere trattata con il riposo e indossando una ginocchiera. Una ginocchiera applica una compressione al ginocchio, che aiuta a ridurre il gonfiore e favorisce il recupero. Gli impacchi di ghiaccio possono anche fornire sollievo dal dolore e dal gonfiore. Tuttavia, gli strappi complessi di solito richiedono un intervento chirurgico.

Il sintomo più evidente di un ginocchio contorto è il dolore forte, ma questo è di solito accompagnato da gonfiore, infiammazione e perdita di movimento. Il ginocchio può anche diventare instabile - e suscettibile alla deformazione.

Quando il problema diventa serio

Le lacerazioni della cartilagine - talvolta definite lacerazioni del menisco - sono molto comuni tra i calciatori. I colpi di scena che fanno parte del gioco del calcio possono portare a distribuzioni di peso ineguali, che possono portare a gravi lacerazioni.

Una lacerazione della cartilagine del ginocchio è spesso ignorata dai calciatori dilettanti, ma può peggiorare con il gioco continuo. I sintomi vanno da lievi dolori a dolori lancinanti. Alcuni giocatori sperimenteranno gonfiore, blocco delle ginocchia, rigidità, dolori da tiro e incapacità di raddrizzare il ginocchio.

A seconda del tipo di lacerazione, della sua localizzazione e della sua gravità, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico e un periodo di fisioterapia. Tuttavia, nei casi meno gravi, sarà sufficiente riposare e sollevare la gamba per favorire il naturale processo di guarigione.

Un’altro danno molto sofferto è il danneggiamento del legamento crociato posteriore. I danni a questo legamento sono classificati da uno a quattro - a partire da una leggera lacerazione fino a danni diffusi che coinvolgono un altro legamento del ginocchio.

Alcune lesioni lievi del PCL si ripareranno da sole nel tempo, mentre i casi più gravi richiederanno un intervento chirurgico, un periodo di riabilitazione e un tutore di sostegno.

Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium