/ Calcio

Calcio | 16 novembre 2020, 16:32

Calcio dilettantistico. Tra una settimana il via alle riunioni. Il nodo non è quando, ma come chiudere i campionati

Calcio dilettantistico. Tra una settimana il via alle riunioni. Il nodo non è quando, ma come chiudere i campionati

E' passato quasi un mese dallo stop forzato dei campionati dilettantistici, eppure le settimane sono trascorse in maniera piuttosto rapida, tanto che già lunedì prossimo ci saranno i primi incontri virtuali tra il Comitato Regionale e le varie società liguri.

Si partirà dall'Eccellenza, per poi mano a mano scendere, fino ad arrivare alla Terza Categoria esattamente il primo di dicembre.

Una tempistica larga ma sostanzialmente permessa dall'ultimo Dpcm che, almeno fino al 3 di dicembre, stopperà gli allenamenti collettivi.

Ipotizzare di tornare subito in campo, anche solo per i recuperi, appare azzardato, in primis perchè solo ora la seconda ondata pandemica inizia a dare i primi segni di rallentamento, inoltre sarà necessario un tempo minimo alle squadre per poter riacquisire un minimo di forma fisica.

Ecco perchè è facile immaginare come, al centro dei colloqui tra i dirigenti, il presidente Ivaldi e i suoi collaboratori, non ci sarà tanto la possibile data della ripresa dei tornei (a questo punto immaginabile a inizio 2021), quanto sulle modalità di conclusione dei campionati.

L'idea di rispettare integralmente il programma proposto appare ormai poco praticabile, dato che si dovrebbe giocare praticamente ogni tre giorni.

Non bisogna però dimenticarsi che la sola Promozione ha mantenuto il format classico, a girone unico, il che potrebbe consigliare la disputa dei soli gironi di andata, per poi procedere eventualmente ai playoff e ai playout (come già annunciato dal Veneto).

In Eccellenza, Prima e Seconda Categoria, almeno a ponente, il discorso potrebbe farsi più articolato, perchè disputare solo l'andata nei minigironi di fatto renderebbe il campionato troppo corto. In questo caso i turni di andata e ritorno potrebbero essere rispettati, per poi procedere eventualmente agli spareggi.

Usare il condizionale al momento è d'obbligo, per un motivo piuttosto evidente. Lunedì 23 novembre, prima dei colloqui, ci sarà infatti Consiglio Regionale del Comitato, inoltre è verosimile che si cerchi una via condivisa con i club per intraprendere la  strada migliore possibile per concludere la stagione.

L'auspicio è che vengano ratificati anche nuovi protocolli, per rendere più chiara e lineare la linea di condotta che dovranno assumere le società e i tesserati.

 

 

Lorenzo Tortarolo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium