/ Altri sport

Altri sport | 17 settembre 2021, 13:40

Loano. Il Palagarassini si rifà il look, quasi ultimati i lavori al Palazzetto dello Sport

Loano. Il Palagarassini si rifà il look, quasi ultimati i lavori al Palazzetto dello Sport

Con l'ultima fase della ripiastrellatura della piscina interna, sono in dirittura d'arrivo gli interventi di messa in sicurezza ed efficientamento energetico che l'amministrazione comunale del sindaco Luigi Pignocca ha stabilito di effettuare al PalaGarassini di località Fej a Loano. Il progetto aveva ottenuto il via libera del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (Cipe) dalla presidenza del Consiglio dei Ministri ed è stato finanziato tramite mutuo concesso dall'Istituto per il Credito Sportivo del Coni. Visti i lavori in corso, l'amministrazione comunale ha stabilito di mantenere attivo il riscaldamento della piscina esterna del PalaGarassini fino al 1^ ottobre, in modo tale da consentire lo svolgimento delle attività sportive.

Nel dettaglio, la messa a norma della piscina ha previsto la ristrutturazione dell'invaso e dei sottoservizi. I lavori sono stati effettuati in modo da rispettare tutte le norme vigenti per le piscine sia sotto il profilo dell'igiene che della sicurezza degli utenti. Per quanto riguarda il miglioramento estetico e funzionale, sebbene si sia puntato a mantenere le strutture e gli impianti esistenti, tutti gli interventi di riqualificazione erano volti a migliorare la bellezza e la fruibilità degli impianti. Tutto ciò, come detto, cercando di ridurre al minimo le variazioni strutturali: i lavori hanno teso a modificare il meno possibile le attuali infrastrutture, specie rispetto alla forma della vasca e delle strutture accessorie. Uno dei primi interventi ha riguardato l'altezza della piscina: la normativa stabilisce che la profondità del vano vasca, misurata al pelo dell'acqua, non deve superare in ogni punto la profondità di 3,50 metri. La piscina aveva un'altezza massima di 3,82 metri, dunque è stato necessario modificare la conformazione del fondo, che al termine dei lavori avrà un'altezza massima di 2,50 metri.

Ad essere “ristrutturate” sono state anche le pareti laterali: la riqualificazione della vasca sarà completata attraverso la realizzazione di una nuova impermeabilizzazione e la posa di pavimentazione in materiale ceramico. Il progetto prevedeva la ridefinizione del perimetro esterno della piscina, con la rimozione della canaletta di scolo e la realizzazione di una nuova doppia linea separata per le acque di lavaggio e per quelle di sfioro. Contestualmente, sarà posata una nuova pavimentazione antiscivolo e sarà sostituito il sistema delle canalette di tracimazione, che rimette in circolo l'acqua che fuoriesce dalla vasca. Intorno alla piscina, poi, è stata posata una nuova pavimentazione. La nuova piastrellatura ha interessato anche il rialzo in corrispondenza dei trampolini nella parte più profonda della piscina. Secondo la normativa, tutte le piscine devono essere dotate di una o più scalette di risalite o gradini incassati. Le quattro scalette della piscina non risultavano più perfettamente ancorate e presentavano problemi di staticità e usura. Per questo motivo saranno tutte sostituite.

Altri interventi hanno riguardato gli spogliatoi, dove è stato ristrutturato l'impianto di areazione, ormai obsoleto. Qui i controsoffitti sono stati rimossi (per dar spazio alla nuova unità termoventilante) e sostituiti. Un altro “pacchetto” di lavori ha riguardato i locali che ospitano gli impianti tecnici che servono a garantire il regolare funzionamento della piscina ed i prodotti finalizzati al mantenimento delle condizioni di idoneità igienico sanitaria dell'impianto, nonché gli ambienti nei quali si trovano gli impianti per il trattamento dell'acqua (e che garantiscono che il livello della vasca resti entro i limiti previsti). Le pareti esterne perimetrali della piscina presentavano parti in calcestruzzo ormai ammalorate, con armature in ferro in vista o scoperte. Queste sono state interamente rimesse a nuovo. La vecchia vasca di compenso, posta al piano interrato, è ad uso di entrambe le piscine presenti nel palazzetto dello sport, quella grande e quella “per bambini”. Considerando le sue dimensioni e la sua capacità, tale vasca risulta sottodimensionata rispetto a quanto previsto dalla normativa e insufficiente a garantire una buona filtrazione.

A fine agosto 2020 era iniziata una prima fase di lavori di messa in sicurezza degli impianti e di riqualificazione della “piscina per bambini”. Tali interventi prevedevano la realizzazione di una nuova vasca di compenso nonché il rifacimento degli impianti per la rimessa in circolo dell'acqua in eccesso raccolta dalle canalette di scolmo che circondano la piscina (e che sono stati a loro volta oggetto di sistemazione). Contestualmente è stato rimesso a nuovo lo scambiatore di calore, cioè l'apparecchiatura che mantiene costante la temperatura dell'acqua. Infine, attorno alla stessa piscina è stata posata una nuova pavimentazione in piastrelle. In base al nuovo progetto, la vasca di compenso è stata demolita e ne è stata realizzata una nuova ad uso esclusivo della piscina grande. La nuova vasca di compenso è stata realizzata in pannelli di acciaio zincato e rivestimento vinilico ed è stata rivestita in modo tale da garantire la massima igienicità dell'acqua, l'automatico costante livello dell'acqua nelle piscina al fine di avere uno sfioro continuo in qualsiasi condizione di utilizzo della stessa. Altro importante intervento di efficientamento è quello che riguarda la rimozione e sostituzione dell'intero sistema di ventilazione dell'aria presente nel piano interrato. Inoltre, gli impianti di climatizzazione degli ambienti della piscina risultano obsoleti e quindi era prevista la loro rimozione e nuova installazione.

Grazie ai fondi ottenuti nell'ambito del progetto Prosper Elena, l'iniziativa a sostegno degli investimenti in efficienza energetica e trasporto sostenibile promosso congiuntamente dalla Banca Europea per gli Investimenti e dalla Commissione Europea nell'ambito del programma Horizon 2020, al PalaGarassini è stata anche programmata: la riqualificazione della centrale termica con caldaie a condensazione alimentate a metano e l'implementazione del sistema di telecontrollo. Inoltre, era in programma l'installazione di nuove lampade led. Tutto ciò porterà ad un risparmio energetico del 32,79 per cento. 

cs

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium