/ Calcio

Calcio | 06 dicembre 2021, 12:56

Bancarotta e reati societari, arrestato il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero

Il provvedimento emesso dalla procura di Paola. Terremoto in casa Samp a pochi giorni dal derby

Bancarotta e reati societari, arrestato il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero

Terremoto in casa Sampdoria a meno di cinque giorni dal derby della Lanterna di venerdì 10 dicembre.

Nella mattinata odierna la Guardia di Finanza ha posto in arresto il presidente del club di Corte Lambruschini dando esecuzione a un provvedimento emesso nell'ambito di un'inchiesta della procura cosentina di Paola, con l'accusa di "reati societari e bancarotta" legati al fallimento di alcune società operanti nei settori alberghiero, turistico e cinematografico con sedi in Calabria e dichiarate fallite alcuni anni fa.

Il numero uno blucerchiato è stato trasferito in carcere, mentre per altre 5 persone sono stati disposti i domiciliari.

Insieme al presidente della Sampdoria é stata arrestata e posta ai domiciliari anche la figlia del presidente della Sampdoria, Vanessa, cui viene contestato lo stesso reato di bancarotta di cui é accusato il padre. Tra gli arrestati, inoltre, c'é anche un nipote di Ferrero, Giorgio.

Attraverso una nota stampa, intanto, "per tutelare al meglio gli interessi delle altre attività in cui opera, e in particolare isolare anche ogni pretestuosa speculazione di incidenza di un tanto rispetto all’U.C. Sampdoria e al mondo del calcio" Ferrero ha annunciato le "dimissioni immediate dalle cariche sociali di cui sinora è stato titolare, mettendosi nel contempo a immediata e completa disposizione degli inquirenti, che verranno contattati dai suoi legali, gli avvocati Luca Ponti e Giuseppina Tenga, proprio per chiarire fin da subito la propria posizione ed evitare che, dalla del tutto inaspettata e presente situazione, possano derivare ulteriori pregiudizi a carico di realtà estranee, come l’U.C. Sampdoria, che ne sarebbero gratuitamente danneggiate".

 

In attesa di sviluppi, al momento non risulterebbe coinvolta la società calcistica. Certo è però che, a pochi giorni da una partita che vale sicuramente molto nell'arco di una stagione calcistica, l'accaduto non possa lasciare non coinvolto, almeno emotivamente, l'ambiente.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium