/ Ciclismo

Ciclismo | 09 luglio 2023, 12:36

Francesco Moser e Faustino Coppi a Marina degli Aregai per "Pedala con il campione" (foto e video)

Ieri si è disputata la "Pedalata col campione"

Francesco Moser e Faustino Coppi a Marina degli Aregai per "Pedala con il campione" (foto e video)

La storia del ciclismo rivive a Santo Stefano con l’evento “Pedala col campione”, con due ospiti d’eccezione, Francesco Moser, il ciclista italiano più vincente della storia e Faustino Coppi, figlio del “Campionissimo”.

Si è svolta venerdì la presentazione dei libri “Un uomo una bicicletta” di Francesco Moser e “Un’altra storia” Fausto Coppi, con il moderatore Gian Luca Giardini, seguita da una degustazione di vini della cantina Moser e dalla “Cena col campione”.

LE INTERVISTE: 

 

Francesco Moser, ci ha raccontato il suo lavoro con i vini: “Ho cominciato la mia vita con il vino, noi veniamo dalla campagna, mio padre faceva anche il vino, da piccoli con i miei fratelli Aldo, Enzo e Diego siamo passati tutti attraverso alla campagna prima di correre. Negli anni ‘60 era più faticoso, non c’erano tutte le macchine che ci sono adesso, in Val di Cembra poi era molto ripido e si facevano lavori manuali diversi. Ora siamo specializzati sull’uva, ma prima avevamo mucche, cavalli, buoi“.  

Moser ha anche ricordato le partecipazioni alla Milano Sanremo: “La Milano Sanremo l’ho fatta dal ‘73 fino all’87 ininterrottamente, ho vinto nell’84. È una corsa difficile, se ci sono cadute è difficile fare un risultato. Ha sicuramente un grande fascino sia per i corridori che per gli appassionati. È cambiata rispetto a quando l’ho fatta io, il finale è diventato più interessante”. 

E sul Tour di France in corso ha aggiunto: “È ancora molto aperta la questione, è ancora molto incerta tra i due pretendenti, la corsa è ancora lunga non si sa cosa può succedere”.  

Faustino Coppi ha presentato il libro dedicato a suo padre: “È un libro che nasce dall’idea di un amico, un giornalista francese, dopo che sono usciti tanti libri sulle imprese sportive di mio papà abbiamo scritto un libro sulla sua vita privata. Nel libro ci sono capitoli scritti come se fossero lettere che gli ho dedicato a con i miei ricordi di quando ero piccolo. 

Quando ero piccolo, non conoscevo mio papà come campione sportivo, ma solo come papà, con i miei compagni c’era un rapporto normale, poi crescendo, leggendo gli articoli di giornali, mi sono reso conto della sua eccezionalità, che ha lasciato un ricordo indelebile. 

Da bambino facevo il tifo per il francese Anquetil che era un amico di mio papà, dicevano che potesse essere il suo successore, un grande campione. Poi crescendo la stampa ha creato dualismi, che a parte qualche caso particolare, erano soltanto sulla bicicletta, nella vita erano tutti dei grandi amici”.

L’idea della manifestazione è di Beatrice Parodi che aggiunge: “Siamo molto legati alla bicicletta e alla ciclabile, è bello creare eventi legati alla ciclabile per far conoscere sempre di più il nostro territorio”.

Ieri a completare il quadro si è svolta la “Pedalata col campione”, con partenza davanti all’Aregai Marina Hotel & residence. In prima fila ovviamente  Francesco Moser e Faustino Coppi oltre a tutti i cicloturisti che si sono aggregati. La pedalata, ha voluto essere un’occasione di aggregazione per condividere una giornata all’insegna dell’amore per le due ruote.

L’evento è stato organizzato da InBici Media Group in collaborazione con Aregai Marina Hotel & residence.

Sara Balestra

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium