Altri sport - 19 maggio 2022, 18:52

Un nuovo defibrillatore in dono per la palestra di Tovo (FOTO)

L'inaugurazione durante la consegna dei diplomi di Aikido. Il sindaco Oddo: "Un grazie sperando non debba mai essere utilizzato"

Un nuovo defibrillatore in dono per la palestra di Tovo (FOTO)

Serata di ricca di emozioni quella dello scorso lunedì 16 maggio alla palestra di Tovo San Giacomo.

Dopo due anni di allenamenti prima online, poi all'aperto, e poi di nuovo nel dojo, ma sempre a porte chiuse, i bambini del "Dojo Shin Ken" (parte della Scuola Aikido di Finale Ligure, Tovo San Giacomo e Garlenda, sezione della Polisportiva del Finale) i piccoli samurai di età compresa tra i 6 e i 12 anni si sono potuti esibire davanti alle proprie famiglie per una lezione dimostrativa al termine della quale il Maestro Roberto Vidimari, responsabile del Dojo, ha tenuto la Cerimonia di consegna dei diplomi a chi ha sostenuto gli esami nella sessione invernale. Una lunga attesa dei diplomi ufficiali provenienti dall'Aikikai d'Italia a Roma necessaria proprio per tenere nuovamente la cerimonia "a porte aperte".

"Non avendo agonismo, questo momento, infatti, per i piccoli Aikidoka è davvero un traguardo importante nella loro vita sportiva - spiegano dal Dojo - si svolge come una vera piccola cerimonia, in cui il Maestro li invita uno ad uno o a piccoli gruppetti davanti a sé, chiamandoli per nome, loro gli si avvicinano camminando in Shikko, (potremmo semplificare traducendo 'camminata in ginocchio'), e dopo l'inchino, si complimenta con loro per quanto contraddistingue positivamente l'allenamento di ciascuno e poi offre qualche piccola raccomandazione o suggerimento su come potersi migliorare nel futuro. A questo punto ricevono il diploma con la proclamazione del grado e dopo l'applauso, tornano ciascuno al proprio posto, senza mai volgere la schiena al proprio Maestro, che rappresenta la guida da seguire nel proprio cammino di crescita individuale e sportiva".

Dopo la cerimonia i due aikidoka adulti, Silvia Puppo e Luca Malatesta, hanno dato ai bambini (ed anche alle loro famiglie), un saggio di quello che possono arrivare ad imparare nel loro futuro.

Terminata anche questa brevissima Embukai (dimostrazione), è quindi giunto il momento più importante della serata:  l'inaugurazione del nuovo defibrillatore che lo Shodan (cintura nera) Luca Malatesta, che era accompagnato dalla sua famiglia, ha voluto donare alla Polisportiva del Finale, proprio per la palestra di Tovo San Giacomo per l'importante legame sportivo e di amicizia che ha col Maestro Vidimari.

Luca è socio della Polisportiva del Finale da parecchi anni, tesserato per le sezioni Aikido e Wing Chun e consigliere della Sezione Aikido. Il suo gesto, nato dal desiderio di fare qualcosa per gli altri, e subito appoggiato dalla sua famiglia, è un esempio che andrebbe replicato, un dono importante per il nostro dojo, la Polisportiva del Finale, e tutte le attività sportive che utilizzano la palestra, ma non solo: la palestra comunale di Tovo è infatti utilizzata anche delle scuole e il gesto può dirsi quindi a beneficio di tutta la comunità del paese.

Il sindaco Alessandro Oddo, che si è complimentato con i bambini per il passaggio di grado ha rivolto quindi a Luca da parte sua e della cittadinanza di Tovo: "Un sentito ringraziamento per questo gesto con l’augurio che rimanga un prezioso e importante presidio sanitario e che non debba mai essere utilizzato".

Al ringraziamento si sono uniti il vice presidente della Polisportiva, Bruno Trotta, e il presidente onorario, Bruno Zupo, che ha sottolineato l'importanza di avere un defibrillatore nelle strutture sportive e ha ringraziato Luca a nome del presidente Stefano Schiappapietra e di tutta la Polisportiva del Finale

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU