/ Altri sport

Altri sport | 11 maggio 2024, 17:45

Match Race 2024: insieme per fare squadra

Quando il Team Building si fa a bordo di una barca a vela

Match Race 2024: insieme per fare squadra

La Match Race che si svolgerà presso il Marina di Varazze il prossimo 24 maggio è il frutto dell’interessante iniziativa dello Studio Legale Gobbi Negro Piazza & Partners Spa e delle robuste sinergie che ha avviato con prestigiose aziende italiane. Realtà appartenenti a settori eterogenei che, nello strategico triangolo territoriale Roma-Savona-Milano in cui lo Studio opera, condividono con gli Avvocati savonesi rapporti lavorativi e, da tre anni… la Match Race!

Quest’ultima, come molti di voi ormai sapranno, è una veleggiata di flotta e l’occasione per tutti questi professionisti e imprenditori, di ritrovarsi in un’occasione informale, blazer-off e finalmente vestiti di quella allure tradizionalmente “sbottonata” e libera tipica dei velisti…

Ma facciamo un passo indietro: nel 2022 Giorgio Gobbi - Partner dello Studio - ha capito che era arrivato il momento di guardare oltre le rigide infrastrutture del mondo forense e creare qualcosa di non convenzionale che potesse favorire e perfezionare le preziose relazioni interpersonali con colleghi e clienti al di fuori degli uffici e lontano dai cliché. È così che è nata la Match Race. Da quel momento sono entrate in gioco diverse aziende che hanno saputo apprezzare e cogliere la bontà della sua proposta riconoscendo che il motore portante di ogni iniziativa professionale, sportiva o privata, è il buon lavoro di squadra. Il cuore pulsante della Match Race è la condivisione di ideali: lavorare in gruppo per raggiungere degli obiettivi è fondamentale, motivo per cui dalla prima edizione a oggi gli imprenditori che hanno offerto sostegno alla veleggiata sono aumentati in modo esponenziale, ciascuno motivato dalla convinzione che essa rappresenti un prezioso momento di crescita, dove si confrontano semplici entusiasmi primordiali: “Siamo una squadra e giochiamo insieme per vincere” - afferma Dimitri Russo, CEO di Dogma Spa, l’agenzia da oltre 20 anni leader in Italia e all’estero nel settore delle investigazioni e Partner della Match Race fin dal principio - “ma sebbene si tratti di una competizione, la questione non è vincere bensì “vincere con” il tuo crew e, ancor prima, “convincere” gli altri a lavorare in gruppo, a collaborare, stando vicino e insieme a clienti e amici per consolidare la nostra conoscenza, i nostri rapporti, per rafforzare le relazioni forti dei valori in cui crediamo. È questo il vero spirito della Match Race, che vuole chiaramente diventare un appuntamento fisso, leggero e autentico, a conferma che un rapporto professionale può evolvere e affinarsi anche lontano dai luoghi di lavoro”.

Ho approfittato del mio incontro con quello che potremmo definire lo “zoccolo duro” della manifestazione, per ascoltare anche il parere di Roberto Gobbi, Patron dello Studio Legale e papà di Giorgio, la cui testimonianza è preziosa non solo in qualità di organizzatore dell’evento ma anche e soprattutto perché ha partecipato attivamente a tutte le edizioni come membro di una crew!

“Un’esperienza straordinaria, una giornata divertentissima. La Match Race dovrebbe diventare a tutti gli effetti una attività di Team Building. La ragione è semplice e intuitiva: quello che si verifica in questa occasione è esattamente ciò che comunemente definiamo “lavoro di squadra”: a bordo delle barche a vela le relazioni evolvono, si condividono fatiche ed emozioni, si abbattono i muri invisibili della diffidenza e della formalità perché non ci sono obblighi, i biglietti da visita si lasciano a casa e alla fine della giornata guardi le persone con cui lavori da anni con occhi diversi. Una manifestazione di questo tipo cambia in meglio i rapporti interpersonali e crea alchimia tra coloro che ne hanno preso parte. Alcuni sono restii a partecipare per convinzione e timore che a bordo occorra una certa professionalità: non è così. Ogni unità è munita di uno o più skipper qualificati a disposizione dei meno esperti e per garantire la sicurezza dell’equipaggio ma sono le persone come me a portare la barca. Uomini e donne muniti di entusiasmo, armati di una passione consolidata, semplicemente desiderosi di mettersi alla prova. Il fatto di non essere all’altezza non può essere preso in considerazione. Non ci interessano i professionisti, l’iniziativa è mossa da un aspetto squisitamente ludico: non ci sono premi o riconoscimenti, si partecipa per stare insieme e farlo bene. Dal punto di vista organizzativo partiamo dal presupposto che chi ne prende parte è in grado di farlo e ciò che è più importante non è l’immagine che diamo all’esterno quanto l’entusiasmo che suscitiamo all’interno”.

E a tutti gli effetti il suo entusiasmo è contagioso ma la sua analisi è e vuole restare razionale: pone l’accento sul valore “green” di questa iniziativa, un aspetto estremamente attuale che non può passare inosservato ed evidenzia come la Match Race, in breve tempo, abbia già suscitato uno spiccato senso di appartenenza tra i suoi partecipanti – molti gli affezionati che prenderanno parte anche a questa edizione – e tra i Partner, che giocheranno un ruolo attivo nella veleggiata a bordo di barche battenti bandiera con il logo della propria azienda.

Parliamo, oltre naturalmente a Dogma Spa, di Amico&Co - il ben noto cantiere navale di fama internazionale dedito al refit di yacht e superyacht, del rinomato Broker assicurativo Hi-Lab, della storica azienda piemontese di lavorazione del legno Rigat&Avidano e di V Marine – eccellenza italiana nello yachting di lusso. E ancora Nitage, la nota agenzia di comunicazione che unitamente ad Azimut Investimenti - che non ha certo bisogno di presentazioni e quest’anno si candiderà con ben 2 equipaggi - e Gino Albarello Sas – leader nel mondo dei macchinari per la falegnameria - si conferma Partner “storico” di eccellenza dell’evento.

Emozionante ascoltare i racconti di chi ha già partecipato, interessante prendere consapevolezza di quali siano intenzioni e sentimenti che sono a monte di questa bella iniziativa, affascinante la prospettiva di prenderne parte e conoscere più da vicino e meglio questi professionisti che per un giorno si “spogliano” dei loro abiti convenzionali e in shorts e maglietta si fanno coinvolgere che in quella che, al di la dei romanticismi, è una vera e propria gara perché a onor del vero, chi pensa che l’importante sia partecipare… non è mai stato alla Match Race dello Studio Legale Gobbi Negro Piazza & Partners Spa!”.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium