/ Calcio

Calcio | lunedì 19 febbraio 2018, 11:24

Calcio, Albenga. Monti non si capacita del crollo di Busalla: "A me tocca trovare le contromisure, alla società valutare il lavoro del sottoscritto"

"La squadra è tornata ad essere troppo discontinua, le responsabilità sono mie"

Il 4-1 incassato ieri pomeriggio dall'Albenga sul campo del Busalla si è tramutato in una sorta di secchiata d'acqua gelata sul volto della squadra bianconera. Ottenere un risultato utile sul campo dei genovesi avrebbe infatti permesso di approcciare con maggiore serenità l'ultimo terzo di campionato, mentre ora gli ingauni dovranno lottare punto su punto per mantenere il proprio posto in Eccellenza.

Una situazione complicata, di cui Ivan Monti si assume totalmente la responsabilità.

 

Mister, è stato un vero e proprio crollo, in una delle gare più importanti della stagione.

"Non ha funzionato praticamente niente e in questi casi il responsabile è esclusivamente l'allenatore. Quando una squadra dimostra di avere un potenziale, ma non è capace di esprimerlo con costanza, significa che il tecnico non è riuscito a mettere in condizione i giocatori nel rendere al meglio. Subito dopo il mio arrivo erano arrivate prestazioni anche positive, ma di colpo sembra di essere tornati a due mesi fa".

 

Come si esce da una situazione simile?

"E' il compito dell'allenatore trovare le giuste contromosse, così come toccherà alla società valutare quello che è stato il mio operato".

 

Il suo è una sorta di passo indietro?

"Assolutamente no. Sono concentrato come e più di prima, ma è innegabile che la squadra si sia nuovamente involuta, proprio nel momento in cui avrebbe dovuto raccogliere quei risultati necessari per vivere un finale di campionato sereno. Le difficoltà nel calcio sono all'ordine del giorno, ogni partita nasconde le proprie insidie, ma ieri abbiamo assistito a un vero e proprio crollo".

Lorenzo Tortarolo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore