/ Sport acquatici

Sport acquatici | 27 luglio 2020, 19:06

Dal successo mondiale alla vittoria sul Covid: un anno dopo Matteo Aicardi vince ancora la sua battaglia

Il centroboa di Tovo San Giacomo ricorda sui social il trionfo iridato e coglie l'occasione per ringraziare chi gli è stato vicino negli ultimi giorni

Dal successo mondiale alla vittoria sul Covid: un anno dopo Matteo Aicardi vince ancora la sua battaglia

"Ci sono periodi nella vita di un atleta dove ti sembra di toccare il fondo, dove soffri e ti scoraggi; ma basta un giorno come questo per farti capire quanto ne sia valsa la pena vivere quei momenti. La sofferenza passa, mentre la gratificazione dura per sempre...". Così Matteo Aicardi, centroboa della nazionale italiana di pallanuoto, ha voluto ricordare sui social l'anniversario della vittoria del titolo mondiale (il secondo personale) con la selezione azzurra.

Proprio un anno fa, 27 luglio 2019, a Gwangju, il Settebello guidato dal centroboa tovese dominava la Spagna con un netto 10-5 salendo nuovamente sul tetto del mondo. Tra i grandi protagonisti della cavalcata azzurra, iniziata con i successi nel girone con Brasile, Germania e Giappone e proseguita con le vittorie su Grecia e Ungheria, non poteva mancare l'apporto di Aicardi che pose la propria firma nel tabellino dei marcatori della finalissima con un grandissimo gol di potenza, quello del momentaneo 6-3 per la compagine del Ct Campagna.

Oggi, invece, l'atleta ligure è reduce da un'altra vittoria: quella contro il coronavirus che lo ha costretto al ricovero presso l'ospedale di Albenga. E nel post appena pubblicato, c'è spazio anche per i ringraziamenti dopo la recente esperienza: "Un grazie a tutti quelli che mi sono stati vicino: la mia famiglia, i miei amici, tutto il reparto Mios di Albenga (che mi ha fatto sentire a casa), la microbiologia del Santa Corona di Pietra Ligure, la dott.ssa Valle, tutta la sezione dell'Asl2 e dell'ufficio di Igiene che hanno fatto gli straordinari per la nostra sicurezza in questi mesi" ha concluso Aicardi.

Roberto Vassallo

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium