/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | sabato 22 settembre 2018, 20:36

Serie D - La Pro Dronero aspetta il Savona, mister Dessena: "Al Filippo Drago con il solito entusiasmo"

L'allenatore dei droneresi: "Dopo un campionato di vertice, non è subito facile adattarsi alla lotta per la salvezza; i biancoblu? Non dobbiamo concedergli ripartenze"

Serie D - La Pro Dronero aspetta il Savona, mister Dessena: "Al Filippo Drago con il solito entusiasmo"

È arrivato il giorno dell’esordio al Filippo Dragoper la Pro Dronero, che ha già giocato tre partite ufficiali. Sono passati ormai cinque mesi dall’ultima gara disputata dai droneresi nel proprio stadio, la sfida interna contro l’Alpignano. Domenica a Dronero arriverà una formazione molto competitiva, il Savona di mister Grandoni.

Una partita alla quale la Pro Dronero arriva dopo le sconfitte subite contro Bra in Coppa Italia e Chieri in campionato, entrambe più pesanti di quanto non abbia detto la mole di gioco e le occasioni create. Che settimana è stata quindi per Dutto e compagni? L’ha chiarito mister Dessena, contattato dalla nostra redazione.
«Nell’ultima settimana ho cercato di far capire che la partita di domenica scorsa è stata fortemente condizionata dall’espulsione – ha sottolineato l’allenatore dei droneresi – dal momento che fino a quando siamo rimasti in parità numerica non si è vista una differenza così grande tra le due squadre. Loro ci avevano messo in difficoltà nel primo quarto d’ora grazie all’ottimo palleggio, che nelle prime fasi di gioco non abbiamo difeso nel migliore dei modi, poi abbiamo iniziato ad aggredirli bene nella loro metà campo e recuperato tanti palloni, riuscendo a creare ben quattro occasioni da gol nel primo tempo e due nella ripresa. Purtroppo non siamo riusciti a sfruttarle, mentre loro sono stati bravi a concretizzare con Lazzaro. Sono però convinto che senza quell’espulsione saremmo riusciti a restare in partita fino alla fine, poi ovviamente non posso sapere se l’avremmo pareggiata o meno».

È mancata quindi un po’ di concretezza, ma Dessena anche su questo difende i suoi giocatori. «I giocatori offensivi aiutano tanto anche in fase difensiva ed è normale, quando si spendono tante energie, essere meno lucidi in attacco. Prendete Dutto, ha corso tanto aiutando moltissimo la squadra in fase difensiva, per poi inserirsi ed essere pericoloso davanti. Domenica ho visto un giocatore che potrebbe stare benissimo in squadre di ottima Serie D, proprio come il Chieri, nel quale probabilmente spenderebbe meno energie risultando anche più concreto sotto porta».  
Grandoni ha ammesso di temere l’entusiasmo della Pro Dronero, che domani ritroverà il Filippo Drago. «Da noi c’è sempre entusiasmo – ha sottolineato Dessena – non soltanto domani per l’esordio interno in campionato. Questo gruppo è unito, per questi ragazzi ritrovarsi la domenica al campo è un momento bellissimo, da vivere sempre con entusiasmo. Ovviamente quest’anno sono cambiate diverse cose, perché rispetto allo scorso anno quando giocavamo per il vertice, in questa stagione lo facciamo per la salvezza. Dobbiamo imparare quindi a gestire delle situazioni diverse, perché nella passata stagione da ottobre in poi non abbiamo più perso. Il livello si è alzato tantissimo e ci vorrà qualche settimana per entrare nella giusta ottica della lotta per la salvezza. Una cosa però è certa: sarà proprio bello ritrovare il Filippo Drago».

Infine Dessena ha ben chiaro quello che la sua squadra dovrà fare per limitare il Savona: «Dovremo evitare di mettere i liguri nella loro situazione ideale concedendogli le ripartenze. Ho visto una squadra con delle caratteristiche precise, che quando ha spazi diventa molto pericolosa. Dovremo essere bravi a non consentirgli di attaccare in campo aperto».

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore