/ Calcio

Calcio | 22 ottobre 2021, 13:34

Asd YEPP Albenga, l’esordio in campo a Loano il 24 ottobre contro la San Francesco

Una nuova squadra di calcio nata sotto il segno dell’integrazione e dell’intercultura, unica nella provincia di Savona e tra le poche in Italia

Asd YEPP Albenga, l’esordio in campo a Loano il 24 ottobre contro la San Francesco

Domenica 24 ottobre partita di esordio per l’Asd YEPP Albenga che si misurerà contro la San Francesco, presso lo stadio "G. Ellena" alle 15.

Pronti a partire per questo campionato di seconda categoria, che ci vede protagonisti insieme a tante squadre affermate negli anni”. È con grande entusiasmo che Maddalena Cresci, dirigente della squadra, annuncia l’inizio del campionato e la partecipazione dell’Asd YEPP Albenga, nata dalla voglia di mettersi in gioco, di intraprendere un percorso di integrazione e intercultura, con una dirigenza quasi completamente under 30.

La nostra squadra coinvolge una piccola quota di giocatori italiani e una ventina di ragazzi africani, presenti sul nostro territorio in quanto richiedenti asilo politico o rifugiati – continua la dirigente -. Abbiamo creato, unici in provincia di Savona e tra i pochi in Italia, la prima squadra con queste caratteristiche, iscritta regolarmente ad un campionato di seconda categoria. Le difficoltà non sono mancate, ma non ci siamo fatti abbattere”.

Sono stati gli stessi giovani calciatori, insieme a coloro che adesso fanno parte della dirigenza, a individuare nello sport più amato d'Italia il mezzo per creare un percorso di integrazione, intercultura, sensibilizzazione della comunità verso questi ragazzi e il loro desiderio di sentirsene parte attiva”.

La missione di YEPP Albenga, infatti, è sempre stata questa: dare a giovani gli strumenti per realizzare da soli il cambiamento che desiderano per la loro città. “Oggi – spiega - un passo necessario per realizzare questa visione è stato costituire una Asd, che parte dal calcio dilettantistico in seconda categoria ma in futuro potrà crescere per tenere alta la bandiera dello sport come esempio dei più alti valori di concordia e rispetto reciproco della società”.

Non solo un fine di integrazione, ma anche sportivo: “Tuttavia, il nostro auspicio per la stagione calcistica 2021-2022 non è solo quello di mandare un messaggio, ma anche di giocare il miglior campionato possibile sotto la guida del mister Ferruccio Vio, che ha portato al team la sua esperienza consolidata e una sensibilità umana adatta alle peculiarità della squadra. Dall'inizio degli allenamenti e durante le prime amichevoli – conclude Maddalena Cresci - abbiamo potuto constatare che la curiosità verso la nostra avventura è tanta, così come ci sono tante persone sui campi di calcio felici di giocare contro una squadra nuova e con una formazione mai vista prima”.

Maria Gramaglia

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium