/ Volley

Volley | 28 settembre 2023, 12:38

Volley. Tanto lavoro per Prima Divisione e Under 16 dell'Albenga, Federicò Spanò felice della recente promozione: "Raccolgo una pesante eredità; siamo un cantiere aperto"

Il giovane allenatore farà parte anche dello staff della Serie B2

Volley. Tanto lavoro per Prima Divisione e Under 16 dell'Albenga, Federicò Spanò felice della recente promozione: "Raccolgo una pesante eredità; siamo un cantiere aperto"

Non c’è solo la prima squadra in casa Albenga Volley, al lavoro c’è anche ci sono i gruppi della Prima Divisione e Under 16 guidati da coach Federico Spanò. A succedere Di Vicino è proprio il giovane allenatore, che già nello staff nella scorsa stagione, è stato scelto per proseguire il lavoro iniziato insieme.

“Prendere l’eredità di Daniele è sicuramente una grande responsabilità, quando me lo hanno proposto ero molto orgoglioso, ma allo stesso tempo sapevo che sarebbe stata una sfida avvincente e tutt’altro che semplice. Allenare ragazze brave non è mai facile, perché serve un lavoro di alto livello, essere nello staff della B2 mi può certamente aiutare, perché insieme ad un tecnico esperto come Mario Barigione non si può che imparare e io spero di trasmettere alle ragazze tutto quello che apprenderò”.

Si parte da una base solida, ma il lavoro da fare è comunque tanto: “Dobbiamo migliorare dal punto di vista fisico, sviluppare la forza e la rapidità che ci aiuta a prevenire infortuni. Dobbiamo migliorare anche dal punto di vista tattico, dalla tecnica individuale alle dinamiche di gioco. Anche il lavoro mentale sarà fondamentale, velocizzare il pensiero tattico per arrivare prima alla giusta soluzione di gioco. Siamo insomma un cantiere aperto, la stabilità che stiamo trovando ci sta aiutando ad alzare la qualità degli allenamenti”.

Domenica la prima uscita stagionale, in amichevole contro il Reba Volley di Torino a Leca: “Una sfida interessante, contro ragazze più esperte che ci hanno permesso di testare il nostro stato di forma. E’ stato un buon test per vedere le ragazze in campo, capire punti di forza e di debolezza di tutta la rosa visto che questo tipo di partite servono per far girare tutta la squadra a propria disposizione. Ho avuto buoni spunti per capire quale lavoro ci sarà da fare, dal muro e la difesa, ad affinare l’intesa tra palleggiatore ed attaccante. Dobbiamo prendere la B2 come punto di riferimento, perché un giorno non è escluso che queste ragazze possono giocare in prima squadra. Sono comunque soddisfatto dell’atteggiamento, miglioriamo ancora la voglia di vincere che può essere un nostro punto di forza”.

Ora al lavoro puntando i prossimi impegni: “Domenica 8 ottobre disputeremo un quadrangolare a Genova contro Cogovalle, Albaro e Serteco, squadre di Prima Divisione che sono perfette per capire a che punto siamo. Sarà un altro step di avvicinamento ai primi impegni ufficiali”.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium