/ Calcio

Che tempo fa

Cerca nel web

Calcio | 21 marzo 2018, 10:57

Calcio, Prima Categoria. Ferrotti scaccia la crisi e rilancia la Veloce "Meno belli, più efficaci"

La doppietta dell'attaccante riporta i tre punti ai granata e mantiene vive le speranze di primato.

Calcio, Prima Categoria. Ferrotti scaccia la crisi e rilancia la Veloce "Meno belli, più efficaci"

È servito più di un mese alla Veloce per ritrovarsi e tornare a segnare nella casella dei punti un +3, ma con tanta pazienza e cinque partite di tempo i granata sono tornati ad assaporare il gusto della vittoria. Ci ha pensato Gabriele Ferrotti a riportare il sorriso al "Levratto", con una doppietta che ha messo al tappeto l'Altarese, uscita sconfitta per 2-1 dall'impianto di Zinola. 

"Questa vittoria per noi dev'essere un nuovo inizio - esordisce l'ex attaccante di Alassio e Pallare - dopo un periodo in cui giravano le gambe ma non i risultati. Essendo una squadra molto giovane forse soffrivamo questa pressione di dover vincere a tutti i costi. Domenica siamo stati forse meno belli da vedere rispetto ad altre volte, abbiamo concesso qualcosa in fatto di gioco ma al tempo stesso siamo riusciti a ritrovare finalmente la vittoria. Sappiamo che Celle e Don Bosco devono ancora recuperare una partita, però il calendario potrebbe esserci più favorevole rispetto a quello delle concorrenti. Sulla carta possiamo fare bottino pieno da qui alla fine". 

Tre punti non solo per tornare al momento in testa alla classifica. Il successo sui valbormidesi è corroborante anche per il morale: "La situazione che si era creata metteva senza dubbio delle pressioni in più sui molti giovani in rosa. Però sono tutti ragazzi seri e per bene che si meritano di giocare in promozione. Qualcuno vuole rifarsi della delusione dello scorso anno e, insieme alle motivazioni di noi nuovi, può darci le giuste motivazioni".

Da una presenza in dubbio ad una presenza decisiva. Va da sé che la dedica per le reti sia una: "Solitamente dedico i gol alla mia fidanzata, ma stavolta mi sento di dedicarli al mio massaggiatore. Tra punture e trattamenti vari ha fatto di tutto per permettermi di scendere in campo".

Mattia Pastorino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium