/ Calcio

Calcio | 16 giugno 2018, 12:34

Calcio. Il patentino nei settori giovanili diventa obbligatorio. Mariani: "Una grande conquista per allenatori, ragazzi e famiglie"

Il presidente del Collegio di Garanzia Nazionale dell'Aiac ci svela i dettagli della riforma

Calcio. Il patentino nei settori giovanili diventa obbligatorio. Mariani: "Una grande conquista per allenatori, ragazzi e famiglie"

Nel corso della settimana è arrivata una notizia a dir poco importante per tutto il movimento calcistico italiano.

Ogni leva giovanile delle squadre affiliate alla Figc avrà infatti l'obbligo di avere un allenatore abilitato dal Settore Tecnico.

Il famoso "patentino" sarà quindi necessario, a tutela sia dei ragazzi che dei tecnici effettivamente abilitati. Un grande passo avanti per il savonese Simone Mariani, presidente del Collegio di Garanzia dell'Aiac.

"Era una riforma allo studio ormai da due anni. Il fronte favorevole era ovviamente ampio, si è solamente dovuta superare la perplessità di alcuni regioni, ricchissime di squadre giovanili, dove il numero di allenatori abilitati, seppur alto, poteva non riuscire a coprire l'effettivo numero delle squadre.

Per noi tecnici è ovviamente una grande conquista, ma ancor di più lo sarà per tutti i bimbi e i ragazzi che si approcceranno al calcio e ovviamente anche per le loro famiglie.

Un allenatore è anche un educatore e l'abilitazione da parte del Settore Tecnico garantisce il giusto percorso di preparazione anche sotto il profilo psicologico, medico e motorio.

Il corso Grassroots - Uefa C ha al contempo avuto grande successo dalla sua istituzione, mentre sono stati aperti i corsi anche per il patentino dilettanti regionali che, abbinato al Grassroots, permette in automatico di avvalersi del patentino Uefa B".

Lorenzo Tortarolo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium