/ Calcio

Calcio | 18 luglio 2019, 16:40

Veloce. Ecco la storia del giovane Elia, quando un infortunio al ginocchio non spegne la passione per il calcio

Veloce. Ecco la storia del giovane Elia, quando un infortunio al ginocchio non spegne la passione per il calcio

Ecco il post pubblicato sulla pagina facebook della società granata:

Dedicato a tutti i cuori granata, veri o presunti tali:

Elia, 16 anni, gioca negli Allievi Fb della Veloce 1910 di Savona; Elia gioca con la maglia n. 10, è discretamente scattante, come tutti i numeri 10 è un po’ “innamorato” della palla, ma questo amore unito ad un buon dribbling fa sì che Elia, in campo, spesso riesca a saltare l’uomo per fornire assist ai suoi compagni o per arrivare al tiro o al goal, anche di pregevole fattura.
Siamo a Maggio inoltrato, il campionato è terminato, c’è da fare giusto l’ultima sgambata amichevole contro i pari età della Riviera del Beigua di Celle Ligure; si gioca alla “Natta” in un tardo pomeriggio settimanale. Elia gioca titolare, e dopo pochi minuti dal fischio di inizio, durante un’azione d’attacco vicino alla bandierina del calcio d’angolo, l’attaccante granata, in pieno controllo della palla, si appresta a provare a saltare l’uomo con una finta delle sue, ma... qualcosa non va nel verso giusto, in un movimento di torsione del ginocchio, una fitta lancinante colpisce Elia, il quale crolla a terra in preda ad un fortissimo dolore che non le permette neanche di stendere la gamba; subito soccorso dal dirigente di squadra, viene portato a braccetto dalla panchina dove subito si cerca di intervenire con il ghiaccio, ma le sensazioni sono piuttosto negative. Accompagnato al pronto soccorso dalla mamma, vista la tarda ora, dopo una prima visita, viene rivisitato il giorno dopo per un controllo ai legamenti; l’ortopedico gli prescrive una risonanza magnetica che verrà effettuata dopo alcuni giorni; nel frattempo Elia riprende a camminare, il dolore tende a scemare e ciò rincuora il ragazzo ed i suoi famigliari. 
Dopo alcuni giorni, viene sottoposto alla risonanza, la mamma ritira il referto e prende un appuntamento per una visita con un rinomato ortopedico savonese, il quale, dopo aver visionato la cartella del ragazzo, purtroppo non ha belle notizie; le parole del medico sono una doccia gelata per Elia: rottura del legamento crociato, un infortunio importante anche nei calciatori di professione, aggravato dalla giovane età che non permette un intervento di ricostruzione immediato, ma necessita di attendere il termine dello sviluppo fisico del ragazzo; tradotto Elia deve abbandonare i suoi sogni per molto tempo, e quindi non potrà, almeno nell'immediato futuro, vestire la sua maglia n. 10 della Veloce.
Una volta informati i compagni di squadra, tra gli stessi, scorre sgomento, tristezza e delusione; gli Allievi 2003 della Veloce sono uno spogliatoio unito, dove anche fuori dal campo, amicizia, unione, complicità e rispetto, sono sentimenti forti e di immenso valore; e questo Elia lo sa, lo sente e lo rincuora, a tal punto che il campioncino prende una decisione….
Passano alcuni giorni, si aprono i tesseramenti dei ragazzi per la nuova stagione, i 2003 dovranno partecipare alle qualificazioni dei prossimi campionati regionali, ed uno dei primi atleti che si presenta in segreteria per apporre la propria firma sul tesseramento 2019/2020 è proprio il nostro Elia… pur consapevole di non poter giocare, lo sfortunato giocatore granata vuol restare vicino alla squadra, vicino ai suoi amici più cari, non vuole smettere di sentire” l’odore” dello spogliatoio, la tensione della partita della domenica, magari, con l’ausilio di un tutore proverà a correre un poco e a fare un po’ di preparazione atletica per tenersi in forma, magari darà una mano al mr. durante gli allenamenti, la cosa più importante per lui è non dover dire “basta” così troppo presto in maniera così improvvisa, magari sognando di trovare con calma, una soluzione per tornare al più presto ad indossare quella maglia n. 10 granata..

In bocca al lupo Elia da tutta la squadra e da tutta la Società FBC Veloce 1910

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium