/ Basket

Basket | 30 maggio 2023, 16:30

Basket. Impresa Pallacanestro Vado: la formazione Under 17 si qualifica per le finali nazionali

Decisiva la vittoria per 71-74 contro l'Aurora Desio, savonesi a Piombino per il titolo

Basket. Impresa Pallacanestro Vado: la formazione Under 17 si qualifica per le finali nazionali

AURORA DESIO – COGEIM PALLACANESTRO VADO 71 – 74

(19-17; 37-36; 54-55)

DESIOCaprotti F.Trucchetti 30; Caprotti A. 7; Mauri; Tarabini; Galimberti (cap.) 4; Borghi 14; Venuti 1; Sudati G. 8; Colonna 5; Sudati V. 2; Presotto.  All. Di Giuliomaria  Ass. Longoni.

PALLACANESTRO VADO: Peirone n.e.; Patrone n.e.; Stankovic 8; Bianchi Ferraro; Scarsi 4; Pellegrino 8; Tridondani 9; Migone 12; Serafini (cap.); Rondinini n.e.; Josovic 33; Mbeledogu n.e..  All. Imarisio  Ass. La Rocca e Roganovic.

 

La Pallacanestro Vado, dopo una partita al cardiopalma, vince lo spareggio in quel Tortona contro l'Aurora Desio e si qualifica per le Finali Nazionali di Piombino!

Parte subito aggressivo Vado, che costringe coach Di Giuliomaria a chiamare subito il primo time-out; dopo aver riorganizzato le idee, Desio, guidata da Trucchetti, ricuce lo svantaggio.

Si rimane sempre con non più di un possesso di vantaggio fino al +4 per i lombardi, fino a che un canestro di Pellegrino sulla sirena dimezza la distanza.

All'inizio del secondo periodo i desiani rubano diversi palloni dal palleggio e si portano sul +8 ma i vadesi dopo il time-out di coach Imarisio riescono a far girare meglio la palla e si riavvicinano. L'Aurora però continua a spingere sull'acceleratore e a due minuti dalla fine del quarto è di nuovo a +8; a questo punto Vado chiude tutte le vie al canestro e con diverse belle azioni si rifà sotto e arriva all'intervallo lungo con lo scarto minimo (37-36).

Al ritorno in campo si gioca punto a punto: Josovic che sale di colpi e fa rimettere la testa avanti ai Pappagalli, gli arancioblu con il duo Trucchetti-Colonna si riportano in vantaggio ma è Vado a chiudere meglio il quarto e ad andare all'ultima pausa sopra di una lunghezza grazie ad un paio di azioni in transizione.

Si comincia l'ultimo tempino con Desio che impatta subito a 55, ma la Cogeim con il duo Migone-Josovic scava un solco di 7 punti; ovviamente gli avversari non mollano e a loro volta piazzano un contro-parziale con Borghi-Trucchetti.

Le due squadre sono di nuovo pari a quota 64, ma ora l'Aurora con Borghi e Caprotti A. vola sul +5 (69-64), Josovic fa 2 liberi e porta i vadesi a -3; Borghi fa di ancora 2 su 2 dalla lunetta e rimanda i suoi sul +5, questi però a 2:33 dalla fine saranno gli ultimi punti dei lombardi.

I Biancorossi trovano due viaggi in lunetta, nel primo Josovic fa 1 su 2, mentre nel secondo Tridondani li manda a segno entrambi dopo esserseli guadagnati con un perentorio coast to coast.

A ristabilire la parità ci pensa Pellegrino con un canestro in precarissimo equilibrio; Stankovic fa delle ottime difese sul leader avversario e Josovic con un tap-in riporta avanti i Pappagalli.

Dopo il time-out Trucchetti prova il bersaglio grosso, ma il suo tiro è sputato dal ferro, Venuti G. subisce fallo a rimbalzo ma non segna nessuno dei due tiri liberi; nell'ultimo giro in lunetta Josovic segna il primo e sbaglia il secondo, Desio ha il tiro per pareggiare, ma Tarabini è ben ostacolato e non trova il fondo della retina.

E’ una grande doppia soddisfazione per i ragazzi e per Pallacanestro Vado in una stagione difficile perché ad agosto avevamo rinunciato al nostro totem Siby per consentirne il passaggio a Mega in Serbia e per i tanti infortuni gravi; una stagione ricca di soddisfazioni non solo per il raggiungimento delle finali ma anche per la conquista del titolo piemontese, l’imbattibilità casalinga, le vittorie con Reyer Venezia, Pallacanestro Varese e Derthona, settori giovanili di A1.

Questo gruppo si meritava queste finali da tempo perché aveva già vinto in Liguria e Piemonte negli anni passati ma era stato bloccato dal Covid che aveva impedito le seconde fasi.

E’ un traguardo che viene da lontano perché ha iniziato a formarsi dal 2019 anche grazie allo staff che si è avvicendato alla sua guida prima con Samuele Dagliano, poi con Marco Prati ed ora con Simone Imarisio e i suoi assistenti La Rocca, Roganovic e Saltarelli.

Per Pallacanestro Vado è la sesta finale nazionale dal 2017, una striscia interrotta solo dalla pandemia. Siamo orgogliosi di rappresentare la Liguria nelle prime 16 squadre d’Italia della categoria con 1345 squadre iscritte in questa stagione anche se certamente abbiamo ricevuto molto poco in cambio in tutti questi anni.

Andremo a Piombino per imparare e per provare a non tornare già al giovedì anche se sarà tutto molto difficile. Arrivare alle finali è già il nostro scudetto.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium