/ Basket

Basket | 07 marzo 2022, 17:58

Pallacanestro Vado. L'Under 19 chiude il proprio trittico stasera a Biella

Pallacanestro Vado. L'Under 19 chiude il proprio trittico stasera a Biella

Appuntamento questa sera alle ore 20.00 al Biella Forum per gli under 19 eccellenza, che con questa partita concluderanno un trittico di match di alta classifica, che i pappagallini non sono riusciti ad affrontare nelle migliori condizioni.


RECAP ULTIME DUE PARTITE


Fulgor Omegna - Azimut Pallacanestro Vado 70-54 

(22-17, 41-32, 52-43) 


Dopo la grande vittoria della andata in casa, Vado non riesce a ripetersi sul campo di Omegna, che nel frattempo ha aggiunto al roster un giocatore importante come Segala. 


Punteggio bassissimo e primi due quarti in assoluto equilibrio, un parziale di 0 a 6 preso nell'ultimo minuto del secondo quarto costringe i liguri a inseguire. 

Nel terzo quarto la rimonta si ferma a un possesso dal pareggio, poi la stanchezza e le scarse rotazioni non aiutano a restare a galla, così negli ultimi cinque minuti Omegna prende il largo. 


Dove ci sarebbe voluta una partita perfetta, si è pagata pesantemente l'assenza di Rebasti, decisivo all'andata, gli acciacchi di Squeri e dei lunghi e le scarse percentuali al tiro da fuori, che hanno reso inespugnabile la difesa piemontese. La frustrazione ha fatto il resto.

Omegna: Garavaglia, Maulini 5, Spina ne, Marchioli 16, Barberis 4, Martino ne, Ramenghi 3, Vujic 2, Segala 29, Tedeschi, Spadone 6, Jokic 5. All. Lodetti 

Pallacanestro Vado: Bertolotti 5, L. Tridondani, Fantino 7, Squeri 5, Migone ne, Da Corte 11, D. Tridondani 2, Bontempi 13, Giannone 6, Genta, Siby 5. All. Imarisio, Saltarelli

 

Azimut Pallacanestro Vado - Campus Piemonte Torino 54-56 
(17-18, 30-34, 38-42) 


Vado si presenta al difficile incontro con la forte Campus Torino dopo due settimane di allenamenti a ranghi ridottissimi, avendo perso anche Fantino. 

I presupposti per una partita molto complicata ci sono tutti; invece, la squadra risponde con una partita di grande carattere e determinazione. 


Ne viene fuori un match brutto e ruvido, estremamente fisico e combattuto. L'energia dei pappagallini compensa la notevole differenza di tonnellaggio. 


Dopo due quarti punto a punto caratterizzati da mini-parziali di botta e risposta, una brutta caduta di Bertolotti (che poi rientrerà in campo anche se claudicante) mette in difficoltà le già ridotte rotazioni. Vado però non si scompone e va all'intervallo sotto di 4 punti. 


Il terzo quarto non è certo per palati fini della pallacanestro, sono le difese dure a prevalere sugli attacchi. 


Dopo i primi minuti simili al primo tempo con risposte fatte di mini-parziali, per quasi cinque minuti Vado riesce a non far segnare mai Campus, ma purtroppo questo grande sforzo non viene ripagato nella metà campo offensiva e per diversi minuti non si segna. 

All'improvviso una fiammata offensiva porta i pappagallini avanti di otto lunghezze. 

Vantaggio che dura pochissimo, i liguri pagano lo sforzo e in un amen subiscono una tripla dopo un errore su rimbalzo difensivo, e nella azione successiva dopo una pessima scelta in attacco prendono altri tre punti in contropiede, in un attimo la partita torna punto a punto. 


Nel finale Campus torna in vantaggio di 4, Vado rientra a -2 ma nell'ultimo minuto anzichè cercare di costruire tiri cerca soluzioni avventate ed estemporanee dettate dalla stanchezza. 


Resta un grande rammarico per non essere riusciti a portare a casa i due punti al termine di una grande prova di carattere e determinazione, dopo una partita durissima, non bella per gli esteti del basket ma estremamente fisica e avvincente. 


C'è rammarico anche per la scelta della Fip di designare per una partita di alta classifica del massimo campionato giovanile, una coppia arbitrale inesperta e non adeguata al tipo di partita, lo spettacolo non ne ha certamente giovato.


Pallacanestro Vado: Bertolotti 3, Seslija, Fantino ne, Squeri 15, Migone, Da Corte 3, D. Tridondani 10, Bontempi 4, Giannone 8, Genta 1, Siby 10. All. Imarisio, La Rocca, Saltarelli 

Campus Torino: Bertino, Perotti 6, Bartoccini 3, Castellino 4, Corgnati 17, Bosco 7, Fracasso 7, Elkazevic, Perillo ne, Corgiat Loia 2, Poom 10, Obakhavbaye. All. F. Danna

Vedremo se stasera i pappagallini riusciranno a tirare fuori dal cilindro un'altra partita di carattere, per andare oltre le difficoltà di un'altra settimana di infermeria piena e allenamenti difficili.


cs

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium