/ Motori

Che tempo fa

Cerca nel web

Motori | mercoledì 13 settembre 2017, 17:10

Lancia Stratos: con Erik Comas rivive la mitica regina dei rallies

 

Fu un capolavoro di ingegneria meccanica, fu un' auto dal design avangardista, fu la regina dei rallies degli anni '70. La “ bete a gagner”,  cosi la chiamarono i francesi quando capirono che contro la  Lancia Stratos non c’era niente da fare, ha fatto sognare il mondo ma rimarrebbe una delle tante auto da museo se nessuno l' avesse riportata in competizione. Non é questo il caso poiché, ironia della sorte, ci ha pensato il pilota nativo francese Erik Comas.

Con un importante passato sportivo che spazia dalla Formula 1 al GT, alle 24 ore di Le Mans per giungere ai rallies storici, Comas é di fatto innamorato dell' Italia. Nella cittadina di Biella ha infatti trovato l' amore ed i preparatori per la sua Stratos.

Negli ultimi cinque anni Comas si é dedicato interamente alla belva di Chivasso sacrificando tempo e risorse. Alla fine la sua professionalità - con il partenariato di Zenith Watches e il supporto di Pirelli- é sfociata in un' attività agonistica impegnativa da ogni punto di vista ma fatta anche di  glamour e piena di successi che hanno contribuito ad una rivalutazione della Lancia Stratos stessa il cui valore in ascesa non frena la richiesta sul mercato.

Erik ha infatti creato il sito www.lanciastratos.com ed  ha pubblicato il  libro "Lancia Stratos- Mythe et réalité",  ha vinto il titolo di Campione Italiano rally auto storiche 2015, la Targa Florio 2016 e ha organizzato con Zenith Watches il World Stratos Meeting a Biella nel giugno 2016.


Attualmente impegnato nel Campionato Europeo Rally Auto Storiche 2017 ha di recente riportato una clamorosa vittoria all' ultima edizione del rally delle Alpi Orientali.

Immaginare che una Lancia Stratos del 1974 possa battere una lancia Delta 16 V del 1989 o una Lancia 037 del 1983 potrebbe sembrare pura utopia, al punto che la classifica generale di un rally storico è, da un punto di vista tecnico, puramente mediatica. Ma il transalpino ha fatto il miracolo e nel mondo dei rally non si parla d' altro. 

lo scorso 25 e 26 agosto Comas ha infatti incantato il Friuli vincendo l' edizione 2017 di categoria ( secondo raggruppamento) e assoluto.

Copilotato dall' impeccabile Yannick Roche la Lancia Stratos griffata Zenith ha affrontato le prime  cinque prove speciali con grinta e a fine giornata è in terza posizione nella classifica generale dietro alla 037 di Marco Bianchini e alla Delta di Lucky.
Nella mattinata di sabato il duo Comas/Roche, salito in auto sapendo di trovare prove speciali tortuose e adatte all' agilità della Stratos e -per la prima volta dall' inizio del campionato europeo- un tempo asciutto e afoso, vince le prime 3 prove speciali di seguito mettendosi alle spalle Bianchini e Lucky.

Gestendo  sapientemente la situazione e allentando di poco l' acceleratore nelle ultime tre speciali, la Stratos Zenith si é aggiudica la vittoria della sesta tappa del Campionato Europeo FIA Auto Storiche.


La classe e la maestria di Comas e l' affiatamento con Roche sono fattori noti ma "Questo successo" dice Comas dal podio "lo dedico a chi lo ha reso possibile: Andrea Chiavenuto Prototipi ha realizzato un capolavoro sulla meccanica della Stratos e l' assistenza effettuata da Mario Decadenti, Antonello Veronese e Alberto Pincin è stata la sinergia che ha portato al successo".

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore